Il maggio del Baltic Dry Index

Il maggio del Baltic Dry Index

Il 5 maggio ha raggiunto il livello più alto dal 2010.

Il Baltic Dry Index (BDI) è l’indice che misura l’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie delle navi dry bulk cargo. Il nome può ingannare, ma ovviamente non è ristretto alle rotte del Mar Baltico ma registra i dati sui prezzi dei noli delle 24 rotte marittime più trafficate nel mondo, permettendo di individuare i costi di spedizione delle materie prime e il rapporto tra domande e offerta. È formato da tre indici sottostanti che calcolano le differenti dimensioni di vettori o navi mercantili come la capacità di carico in tonnellate (Capesize, Panamax e Supramax).

Nel corso del mese di maggio, il BDI è andato in fase calante, dopo aver raggiunto il 5 maggio il livello più alto degli ultimi 11 anni. I motivi di questa ripresa del settore dello shipping, settore che era in crisi totale solo un anno fa, possono essere ricondotti ad una serie di concause: la ripresa economica post pandemica, l’enorme richiesta di materie prime, in particolare quelle riguardanti la transizione energetica, e la necessità di ricalibrare le scorte, messe a dura prova dall’anno appena trascorso.

Come si è mosso il Baltic Dry Index nel mese di maggio?
Il Baltc Dry Index nel mese di maggio

Categorie:Political Risk

Tagged as:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...