Il Libano tra difficoltà economiche ed incertezza politica

La società di consulenza CREDENDO ha rilasciato, lo scorso 27 Novembre 2019, un report di valutazione sul Libano. Il paese dei cedri sta attraversando un periodo difficile, contrassegnato dall’instabilità costante, seguita alle dimissioni di Saad Hariri quale premier del paese e alle difficoltà di trovare un sostituto che metta d’accordo tutti. L’attuale crisi del Libano non è solo politica, ma anche economica, data l’incapacità della leadership libanese di intraprendere riforme credibili, ridurre il deficit, ridare credibilità al sistema bancario, sconfiggere la corruzione. Al cuore della crisi economica c’è anzitutto l’incapacità del governo di ridurre il deficit che, nel periodo 2012-2018, ha raggiunto l’8,5% in rapporto al PIL. La necessità di attrarre capitali, soprattutto dalla diaspora libanese, ha spinto la Banca Centrale ad offrire tassi d’interesse del 14% sui titoli di stato a tre anni. Questa strategia ha funzionato per alcuni anni, ma l’apparizione delle prime ombre sulle capacità governative ha spinto molti investitori ad allontanarsi, generando una sostanziale fuga dalla sterlina libanese (agganciata al dollaro USA). Il sostanziale malcontento popolare per una situazione economica che tarda a risollevarsi, si è acuito quando il governo ha proposto di istituire una “surreale” tassa su WhatsApp, la popolare applicazione di instant messaging. Le continue difficoltà nella formazione del governo, ad oggi non ancora risolte, aumentano i rischi politici per il futuro. La valutazione di CREDENDO è, quindi, di 6/7 e 7/7 per il rischio politico a breve e medio termine, 6/7 e 5/7 per il rischio di violenza politica e di espropriazione, 7/7 per il rischio di inconvertibilità e restrizione ai trasferimenti.

Per quanto riguarda la valutazione di P-risks il Libano è al 105esimo posto del Political Risk Evaluation Index, ovvero tra i paesi a rischio moderato: c’è da aggiungere che i continui rimandi sull’individuazione del primo ministro e il riprendere delle proteste popolari non depongono favorevolmente per il Libano. Pertanto, formuliamo outlook negativo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...