Una soluzione per la Fergana Valley

La Fergana Valley, un territorio fertile a cavallo tra ex-repubbliche sovietiche, ovvero Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan, rappresenta uno scenario complesso, dal quale dipanano una serie di minacce alla stabilità dell’area, principalmente legate alla mancata delimitazione di alcuni confini. La delimitazione dei confini tra i tre stati succitati ha avuto luogo in fasi diverse tra gli anni ’20 e ’50 del secolo scorso, con successivi aggiustamenti lungo l’era sovietica, che non hanno, però, eliminato le numerose incongruenze. La Fergana Valley appare come un complesso puzzle geografico, caratterizzato da numerosi enclavi e nessuna coincidenza tra confini etnici, naturali e politici. Negli ultimi anni, nonostante il verificarsi periodico di qualche incidente, gli stati interessati hanno mostrato, diversamente dal passato, un atteggiamento più collaborativo per la soluzione di questo dilemma. Nell’agosto di quest’anno il presidente uzbeco Shavkat Mirziyoev e l’omologo kirghiso Sooronbay Jeenbekov, hanno siglato un accordo per la delimitazione dell’92% dei 1378 km di confine comune. Resta l’8% che è quello più complicato, dove vi sono da sistemare le situazioni delle numerosi enclavi presenti. Ma il problema principale riguarda le risorse idriche e territoriali che sono scarse in alcune situazioni ed abbondanti in altre, con dighe costruite nell’epoca sovietica che contribuiscono ad esacerbare gli animi. L’accordo tra Mirziyoev e Jeenbekov prevede, per risolvere i conflitti rimanenti, una sorta di swap deal, ovvero lo scambio di territori, ed ovviamente anche di popolazioni, per consentire agli autoctoni di soddisfare il proprio senso di appartenenza. Qualora l’accordo andasse in porto, si giungerebbe alla fine un contrasto che dura, sottotraccia, da decenni e nella regione si potrà finalmente commerciare pacificamente ed intraprendere quel cammino di prosperità di cui c’è tanto bisogno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...