La logistica tra Retailpocalypse e 3PLs

L’evoluzione del mondo del commercio e del retail implica, ovviamente, anche un cambiamento negli usi e costumi della popolazione. Comprendere tali cambiamenti, inserendoli nel più ampio settore della cultural care, rappresenta uno step aggiuntivo nell’elaborazione del rischio politico. Con ciò non si vuole dire che le vendite di un determinato gadget possano fornire indicazioni sul rischio politico di un paese, ma la direzione in cui vanno determinati settori ed il mondo del lavoro ad essi collegato può fornire un indicazione sul sentiment popolare in un dato momento. Ad esempio, da tempo si parla di una vera e propria apocalisse che si starebbe abbattendo sul settore retail, Retailpocalypse è il termine usato, che sarebbe oscurato completamente dall’e-commerce. Il verificarsi di questo evento potrebbe portare alla perdita di numerosi posti di lavoro ed uno stato che non riuscisse ad affrontare un’emergenza del genere si troverebbe dinanzi a rischi sociali consistenti. Il mondo dell’e-commerce sta oramai colmando tutti gli spazi possibili nel mondo del commercio, basandosi soprattutto sulla possibilità di ridurre notevolmente i costi. Nel corso degli ultimi mesi, le società di e-commerce stanno colmando il gap temporale che hanno rispetto al retail, arrivando a ridurre i tempi di consegna anche ad alcune ore. Ciò sta causando una profonda rivoluzione nel mondo della logistica, oramai in funzione 24/7. Negli Stati Uniti, lo scorso mese di aprile Amazon ha annunciato che il servizio Prime effettuerà le consegna non più in due giorni, bensì in uno. La catena Walmart ha risposto, nel giro di qualche settimana, con un servizio di consegna il giorno successivo. Nel giro di qualche settimana FedEx ha annunciato che il suo servizio di consegne sarebbe stato attivo 7 giorni su sette, e non più limitato a 6 giorni. E la diminuzione dei tempi di consegna non si riduce solo ai servizi di delivery più conosciuti, ma anche alle numerose 3PLs che stanno nascendo un po’ ovunque. Tutto ciò conduce contiene un rischio implicito, ovvero un eccesso di offerta che potrebbe portare, in futuro, ad una serie dolorosa di fallimenti, con conseguenti ricadute sul mondo del lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...