Il Political Risk Outlook (Q1) di AKE International

AKE International Group, società britannica di consulenze nell’ambito del rischio politico, ha pubblicato lo scorso 9 aprile il Political Risk Outlook Q1. I 5 paesi finiti sotto la lente di ingrandimento sono stati Algeria, Ecuador, Sudan, Thailandia e Kazakhstan. Per ognuno di essi sono stati prodotti i seguenti Outlook:

– ALGERIA, il rating di rischio politico in aumento a causa delle continue proteste popolari che hanno portato sì alla decisione del vecchio Bouteflika di non concorrere per un nuovo mandato presidenziale, ma non fanno presagire alcun tipo di sviluppo positivo in futuro;

– ECUADOR, il rating di rischio politico in aumento a causa della politica di austerità messa in campo dal presidente Lenin Moreno, successivamente all’ottenimento di un prestito dal Fondo Monetario Internazionale, che potrebbe incrementare il risentimento popolare;

– SUDAN, il rating di rischio politico in aumento per le continue e numerose proteste popolari nei confronti del presidente Omar al-Bashir, la sua onnipresenza e il deterioramento progressivo della situazione economica del paese incrementano il rischio default;

– THAILANDIA, rating di rischio politico in aumento a causa della situazione politica in stallo, successiva alle elezioni politiche che non hanno prodotto un vincitore chiaro e netto, e alla insicurezza circa le capacità politiche del nuovo re Rama X;

– KAZAKHSTAN, rating di rischio politico stabile per gli sviluppi conseguenti alla scelta del presidente Nursultan Nazarbayev di lasciare la carica dopo 30 anni di dominio assoluto e per l’incertezza sul futuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...